Libri di Coe: La famiglia Winshaw e un fantastico gruppo di lettura

Amici,

img_3985

grazie a Samantha, curatrice del blog Leggo quando voglio, ho partecipato al gruppo di lettura LibridiCoe. Il libro che abbiamo letto insieme? La Famiglia Winshaw (What a Carve Up!), il mio primo libro di Jonathan Coe e sicuramente non l’ultimo.

Un gruppo di lettura composto da lettrici incredibilmente acute e produttive, bookblogger e semplici amanti dei libri, di cui – ora che siamo giunti al termine – sento già la mancanza.

What a Carve UP è un libro con uno stile affascinante e avvincente. E’ un’opera complessa, “a incastri” direi, che premia il lettore che non si lascia scoraggiare. Ciò che disorienta all’inizio, ma che fondamentalmente corrisponde anche alla firma dell’autore, è la struttura: apparentemente scomposta ma che poi trova la giusta posizione a ogni suo pezzo.

In questa saga famigliare seguiamo le tracce dei Winshaw – un’antica e facoltosa famiglia inglese artigliata al potere ed economicamente aggressiva e violenta – e dello scrittore incaricato di scrivere la loro storia. L’Inghilterra descritta, quella degli anni ottanta, è un’Inghilterra quasi reale: il contesto storico e politico, infatti, non è mai un semplice sfondo ma un’esposizione – peraltro poco sottile – delle sue preoccupazioni per le questioni sociali. Leggetelo, e poi ditemi che vi fa sentire la parte dedicata a Dorothy. O il trattamento riservato alla riforma sanitaria.

Il più grande punto di forza è che il tutto viene veicolato con una forza stilistica imponente. I messaggi vengono espressi in modo umoristico, attingendo spesso alla forma di satira. Quando leggerete le note del diario di Hanry vi ritroverete ad alzare gli occhi e sorridere sulle pagine che state leggendo.

E il cinismo di cui sono intrise le sue pagine? Un ingrediente che rende perfetta la ricetta di Coe e che vi terrà incollati fino alla fine.

Hilary Mantel, del Sunday Times, con cui non potrei essere più d’accordo, scrive:

A sustained feat of humor, suspence and polemic, full of twists and ironies.

 

Lo consiglio? Assolutamente sì.

Link di acquisto alla versione in lingua originale, edita da Penguin e parte della collana Penguin Essential, con una bellissima e sfavillante copertina disegnata da UNGA Broken Fingaz (che vedete in foto sopra): What a Carve Up!

Link di acquisto alla versione italiana, edita Feltrinelli e tradotta da Alberto Rollo: La famiglia Winshaw

Ci sarà un nuovo gruppo di lettura a MArzo il cui testo di Coe sarà: Donna per caso.

Non vedo l’ora! Sarete dei nostri?